*

Anila Resuli Photography

Annunci

*

ci siamo amati fino alle ossa. nell’occhio si nasconde
il gelo che il mondo non sa tacere e ce lo siamo visto
e detto, a sipario è sceso più volte dentro il nostro
silenzio.
ma a volte, confesso, ti ho pensato. mi ha turbato,
l’odore delle mani, la capigliatura di uno che passò
di qui, quando ero cieca, sentii il rumore dei passi
ed ebbi te dentro un istante. come umano il suo rumore
mi si addiceva. muri in là, tra le vie, lo lasciai andare.
sei vivo di notte, nelle corte distanze tra luna e sole
e la luna gigante ci si avvicina. sempre lì, forse resti.
una metafora magrissima di un mondo debolissimo.

[…]

*

non ho spazi dove cucire i tronchi
di mani che escono da tutti i tuoi occhi
e le braccia le appendo ai muri
dove abbiamo murato piu volte gli incubi
per non farli tornare.
la strada ferma ascolta le maree.
le distanze dove le voci prestano nomi
a cose ed abiti di mare.
è questa casa dove resti?
è questa casa dove resto.