*

nella veglia che annida
ciglia che cogli, le labbra che svegli
nei solchi e il bianco fortezza nidifica
la voce all’atrio, nel cuore un dirupo,
la vertigine dell’occhio che arrende
odore e corpo, riverbero a mare
come te, mia immagine, un corpo unto
che riconosco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...