*

come rendi le mani, gli occhi spenti
corretti al vino, bocca breve cedi,
mano breve, distanza, mio ritratto
assorto al sole. luogo, la saliva
dimora come nuova: abiti il corpo,
lentamente ami le stanze, le labbra
baciano le ossa, i denti ti muovono
le carni, pietre che prendi tra dita
mie, con pudore. come nuova resto
nella costola resa lama, collo
ficcato dentro, come un sacrificio
tieni nei palmi gli occhi scuri, assorbi
il sangue, porti pelle alle ossa e poco
a poco, mi denudo.

Annunci