*

forse all’acqua, una pozza fangosa,
che stringe la gola, conti le tue dita,
i piedi scuri e magri, le braccia lunghe
e magre, parli come fosse stata sempre lì,
in quella posa fissa a guardare le ombre
di lembi di terra secca poi umida
e molliccia dalle radici di mura
dove poggi la testa prima di parlare.

racconti delle trappole
dei volti che riconosci dietro nuche
allungate di notte sotto lampioni fermi oltre
senza che t’avvicini.

non prendi fiato se non dopo che parli
e l’ordine di parole che muta
si ferma ai gradini, prima di andare.

Annunci

2 thoughts on “*

  1. Buongiorno.
    Questi tuoi versi li avverto come una gradinata notturna e solitaria verso uno specchio d’acqua. Mi hanno riportato verso luoghi che penso di aver vissuto. Il linguaggio pare illimpidirsi, dal forse dell’attacco fino all’arresto e al moto dell’ultimo verso: “si ferma…prima di andare” L’uso della seconda persona è raffinato e misterioso.
    Un saluto.
    luigi

    Mi piace

  2. Vero, questo passaggio di versi è più limpido del solito.
    Il punto è che non riesco a fare a meno di cambiare io, dentro, come nella scrittura.
    Grazie della traccia Luigi, contenta tu sia passato di qui.
    Un bacio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...