[…]

cosa resta
corridoi piedi e gambe
in punta di dita dentro le mani
i morsi della parola hanno fame
le sedie gli occhi dentro le finestre
scisse della città

piastrelle colorate a pietre
specchi e mura
nella capigliatura delle forme
di una pelle resa anca
dove tenerti stretto
da lupa

senti il respiro con l’orecchio
nel torace che sblocca
l’aria assume i nomi delle cose
assorbe costiere di labbra
e ciglia cadenti come alberi

non siamo qui noi soli

vi sono le dita curve degli anelli
le rocce di pomi d’Adamo dove impreca
l’aria prima d’uscire o scendere
al varco del mio seno
mentre tu dormi.

[…]

*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...