*

[

come luna, questa pare notte
dove lunghissima morde e asciuga
gli occhi
di noi che dormi di me
(in me)

che sveglia e annida un poro alla volta
nella lama (come lanci di pietre)
sorda la caviglia intinta nel segno

(qui sciami di colori che sanno)
(prega con me)

e volta di buio
questa scarpa stropicciata al piede
non sa dove porta.
(resta)

]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...