*

nella vertigine
l’occhio che intreccia il corpo al corpo
mentre guarda come sederti accanto
quando cade la primavera poi l’autunno
tu non rimani
stagni come acqua seccata agli argini
poi nasci
gemellare.

Annunci

One thought on “*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...