*


questo inverno ha la sete
dei fiori in primavera

è così che si muore
nel corpo frange la ragione
il gesto tenuto come pane
il sangue ha la sua vita
una sola uno solo il morto.
il segno che tieni al petto pulsa
lentamente dice il mio nome poi dice il tuo
come parti sconnesse
da una sola mano la forza
da un solo braccio la stretta
e stringe dente per dente
come di pelle sia uno il cuore
uno il frantume agitato. sente il male.
non sei qui come altrove
sei fuga e ululato chiesto alla polvere
una rottura uno strappo
come fosse semplice strappare il cuore
dalla vena giù e giù unire
la pelle del viso al palmo
e udire, in preghiera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...