*

questo è un giorno in cui le cose restano mute,
vedi la loro trasparenza, l’ubriacarsi
una dentro l’altra, come per amore,
ma senza parlarsi. ho contato tutti gli oggetti,
tutti i panni ed il bianco steso interamente,
ho il corpo ancora fradicio.
sento l’odore della cucina udire il battito.
sento il freddo, quando tutto sovrasta,
pure la pelle non sta più tua.
ascolto come si ascolta l’udito,
cavo come una trincea: due soldati
dentro rimangono ancora, a ridere
della morte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...