*

“sei guarita” dici piano come se ti alleggerisse
la memoria di questa casa, dove le cose stanno
da sempre sopra la stessa polvere. hai sentito
bene il battito dentro queste mura
quando mi hai mostrato nel buio di non aver paura.
sei sempre lo stesso, dopo anni,
la tiritera dei versi, le piaghe tacciono
ma tu non sai tacere, viscerale, ubriaco di te,
più di ogni altra cosa, addosso, oltre le tue
membrane cucite e ricucite.
sono guarita dove non resta di te nemmeno l’ombra.
dove sono tornata ad essere umana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...